Mestre Bimba

mestrebimbaIl vero nome di Mestre Bimba fu Manoel Dos Reis Machado.
Nacque il 23 novembre 1900 nella zona di Brota, in strada Engelho Velho, a Salvador de Bahia, figlio di Luìs Cândido Machado, campione di  “batuque”  (danza negra accompagnata da strumenti a percussione e relativo accompagnamento) e di Maria Martinha  do  Bonfin.

Cominciò ad imparare la capoeira in Salvador nell’antica strada  “das  Boiadas”, oggi strada della Libertà, ed il suo maestro fu un africano di nome Bentinho, in quel tempo capitano della Compagnia di Navigazione Baiana.

Il primo posto dove Mestre Bimba pratica la Capoeira è il “Clube União em Apuros” , nell’ antica ” Estrada das Boiadas”, dove attualmente si trova il quartiere ” Liberdade”. Il suo corso di capoeira, la ” Capoeira Antiga”, dura   quattro anni. Mestre Bimba diventa un formidabile praticante di questo tipo di Capoeira, eccellendo nelle sue abilità di combattente. A 18 anni, Bimba era già considerato ” Mestre” in questa arte.   Insegna Capoeira per dieci anni presso la ” Capitania dos Portos da Bahia” . .Per sostenersi, lavora come scaricatore di porto, carrozziere, falegname, portuale, carbonaio, solo per citarne alcuni, ma soprattutto e per tutto il tempo sempre “Mestre de Capoeira”. Bimba sentiva che la ” Capoeira Antiga” (com’era conosciuta), contava solo nove movimenti di base ed aveva perso sensibilmente sua efficienza come lotta e come forma di resistenza;dunque   decide di elaborare la Capoeira, creandone una nuova. L’obbiettivo è quello di far diventare la Capoeira più efficace,esaltandone le qualità di combattimento; Mestre Bimba, tra 1928 e 1929,unisce i movimenti dell’antica Capoeira-lotta con i movimenti traumatici e di squilibrio della lotta ” Batuque” appresa dal padre, quindi aggiunge dei movimenti ideati da lui. In questo modo, Bimba è l’ideatore della Lotta Regional Baiana, più conosciuta come Capoeira Regional.

Nel tempo, tramite la capoeira, Bimba viene a contatto con diverse realtà sociali ed umane.Con la crescita della sua opera, la   Capoeira si avvicina agli studenti universitari ed all’alta borghesia baiana che mostrano interesse per la sua arte. Il contatto con altre arti marziali influenzano ulteriormente il suo modo di vedere e d’insegnare la Capoeira. La sua nuova metodologia d’insegnamento, criticata da alcuni come un’espressione d’elite, aiuta la Capoeira ad abbandonare l’immagine di nicchia destinata alla scomparsa ed alla repressione e   al contrario si valorizza come sport e come espressione della cultura popolare brasiliana. Alcune persone affermano che Mestre Bimba è riuscito ad recuperare il valore originale che gli antiche schiavi avevano sulla Capoeira.

Fu  anche il primo ad ottenere la registrazione ufficiale del Governo per la sua palestra denominata “Centro di Cultura Fisica e Capoeira Regional” , in  un periodo in cui il Brasile era in pieno regime di forza ed in cui le leggi penali consideravano ancora i capoeiristi come pericolosi delinquenti.

Nel 1937, cinque anni dopo, ottenne per sé la registrazione come Istruttore di Educazione Fisica.
Aprì la sua seconda palestra nel 1942. Fu il primo a registrare un long-playing intitolato “Corso di Capoeira di Mestre Bimba”, con un libretto allegato: è la prima volta che compare una pubblicazione firmata da un capoeirista . Il suo metodo è considerato dagli esperti il più pratico e perfetto, giungendo ormai ad oltrepassare le frontiere ed ad essere conosciuto nel mondo.

Mestre Bimba ebbe allievi illustri, anche tra politici e militari, ex capi di Stato, dottori, artisti ed intellettuali, oltre alla gente del popolo.

Il Mestre Bimba ha creato il primo metodo per imparare la Capoeira, ovvero una sequenza logica di movimenti di attacco, difesa e contrattacco, A Mestre Bimba, infatti  si deve la creazione di una sequenza di movimenti di base, costituita da 8 parti, che ancora oggi rappresenta il “pilastro” della capoeira Regional.

Per fare un esempio: la prima sequenza d’attacco consta di una mea lua de frente, una armada ed una ; l’avversario risponde con la relativa difesa composta da due guardia baixa, la seconda delle quali seguita da una negativa e da una cabeçada. Allenandosi con le sequenze di mestre Bimba, i capoeristi apprendono i ritmi, i meccanismi e i movimenti della capoeira Regional. 

Malgrado il grande contributo dato a quello che è il secondo sport nazionale brasiliano dopo il calcio, mestre Bimba morì in miseria,  a Goiânia, vittima di un ictus, il 5 febbraio del 1974.

spoint

Back to top